Comunicazione Consiglio Direttivo num. 5/2017

In data 28 e 29 ottobre 2017 si è tenuta a Treviso una riunione di consiglio.

Presente la totalità dei consiglieri e la totalità dei revisori dei conti.


Viene presentato dal responsabile sviluppo e progetti, Mario Morgese, la bozza di regolamento attuativo dello statuto, redatta in collaborazione dei revisori dei conti, tale documento viene analizzato punto per punto e vengono apportate alcune modifiche dopo ampie discussioni, tale documento verrà presentato al comitato per le regioni in data 18-19 novembre 2017, al fine da dare la maggior parte di informazioni per poter essere spiegato ai club da parte dei referenti, dopo di che verrà inviato in visione a tutti i club.

Il tesoriere, Frederik Rosso, illustra al resto del consiglio la situazione entrate/uscite ad oggi ed un possibile bilancio di fine anno, per avere più chiara la situazione economica. Illustra la divisione in centri di costo per le spese, in modo da poter avere maggiore coscienza di quanto ogni campo di attività vada ad incidere sul bilancio dell’associazione. Per il terzo anno di fila il bilancio annuale sarà in negativo, sottolineando però che trattasi di anno con attività straordinarie.

Si comunicano ai club le quote associative 2018:

La quota fissa di affiliazione del club resta invariata a 50,00 euro

La quota variabile, cioè le tessere, passa da 9,00 a 10,00 euro

Per questa decisione si è presa per il fatto dei tre anni di fila di bilancio in negativo, per l’iter di riconoscimento dell’associazione e soprattutto per poter ampliare gli strumenti per l’evoluzione del Vespa Club d’Italia e i materiali a disposizione dei propri associati.

Il consiglio direttivo si impegna, grazie anche ad una maggiore consapevolezza delle spese data dalla suddivisione per centri di costo, ad avere una gestione oculata delle risorse economiche del Vespa Club d’Italia.

La circolare contenente le modalità di rinnovo affiliazione verrà inviata entro il 1 dicembre 2017.

Viene deliberato un tetto massimo di spesa per quel che riguarda pernottamenti e pasti in occasione delle riunioni di consiglio, delle riunioni nazionali del comitato per le regioni, delle manifestazioni in cui è necessaria rappresentanza da parte del consiglio direttivo e delle altre attività svolte al servizio dell’associazione.

Le quote sono le seguenti:

Pernottamento: 80 euro

Pranzo: 20 euro

Cena: 30 euro

Ci si prende l’impegno di fare la scelta più economica possibile.

Il direttore turistico, Stefano Crociani, illustra la bozza del regolamento turistico, sviluppata con un gruppo di lavoro formato anche dai consiglieri Enrico Martini, Emanuele Petriglia, Giuliano Usai e Vittorio Vernazzano. Viene esaminato punto per punto e vengono apportate alcune migliorie dopo ampie discussioni.

Il regolamento turistico verrà inviato nei prossimi giorni a tutti i club, assieme alla modulistica relativa.

Con la presente vi comunichiamo che verrà ripristinato il campionato turistico.

Faranno parte del campionato turistico i Vespa raduni nazionali, internazionali e a partecipazione estera, che dovranno rispettare i seguenti requisiti:

La manifestazione dovrà tenersi su almeno due giorni.

Il club organizzatore dovrà essere associato al Vespa Club d’Italia da almeno tre anni ed aver organizzato almeno due raduni.

Potranno essere iscritti solo i tesserati Vespa Club d’Italia.

Dovranno essere solo Vespa/Cosa/Ape.

Sarà necessaria una connessione internet per la registrazione degli iscritti e l’estrapolazione delle classifiche

Dovranno essere disponibili ad un cambio di data, per permettere una migliore distribuzione sul territorio nazionale.
Tutte le manifestazioni valide per il campionato turistico vedranno la presenza di un organo di controllo affinché vengano rispettati i regolamenti.


Esisterà inoltre un’ elenco di altre manifestazioni organizzate dai club, che dovranno essere aperte a tutti i tesserati al Vespa Club d’Italia, dovranno essere solo Vespa/Cosa/Ape, non potranno utilizzare le denominazioni nazionale, internazionale e a partecipazione estera e non dovranno avere concomitanza con le tappe del campionato nella stessa regione. Fondalmentalmente un elenco delle attività organizzate dai club, purché siano aperte a tutti i tesserati, ovviamente si parla di raduni e non di mostre, aperitivi, cene etc.

Sono stati accolti in sede di riunione tre rappresentanti del Vespa Club Venezia, che si sono presi l’onere di gestire la logistica per il congresso 2018, che si terrà a Venezia nei giorni 24-25 marzo 2018, i quali hanno illustrato le varie possibilità e portato preventivi a riguardo.

Il consiglio direttivo tiene a ringraziarli, anche sulla presente, per l’impegno e il tempo messi a disposizione per l’associazione.

Viene presa in considerazione la proposta da parte del Motor Show di Bologna per uno stand del Vespa Club d’Italia all’interno della manifestazione, che ha una durata di dieci giorni, con possibilità di effettuarvi le premiazioni sportive. Ad un mese dell’evento, dieci giorni comporterebbe un organizzazione impegnativa e comporterebbe ulteriori spese per garantire la presenza per tutta la durata dell’evento, pertanto viene chiesto se fosse possibile avere uno spazio per le sole premiazioni, ma non è stata data disponibilità dall’organizzazione dell’evento. Si stanno valutando altre soluzioni per effettuare le premiazioni nei primi mesi del 2018. Tra le ipotesi anche il Congresso, la fiera di Arezzo e il Motor Bike Expo di Verona.

Vengono presentate e accettate le proposte di convenzione degli enti di promozione sportiva Libertas e Motoasi.

Al fine di non dover far fare più tessere ai piloti che concorreranno nei campionati nazionali, viene deciso che le manifestazioni inserite in tali campionati dovranno appoggiarsi all’ente di promozione sportiva Motoasi.
Per le altre manifestazioni fuori campionato nazionale si potrà optare di appoggiarsi ad altro ente
in convenzione.

Le specifiche e le linee guida delle convenzioni verranno inviate ai club non appena firmate da entrambe le parti.

Per La Federazione Motociclistica Italiana (FMI), non avendo avuto nessuna proposta di convenzione per l’anno 2018, si ritiene conclusa la collaborazione per le attività congiunte e associative.

Si ricorda a tutti i club che requisiti per poter effettuare il rinnovo sono l’inserimento di 30 tesserati e l’invio di statuto e certificato di codice fiscale entro il rinnovo, per l’inserimento dei tesserati entro e non oltre il 31 dicembre.

Sono stati due giorni molto intensi e partecipati, sappiamo che ci sono molti altri argomenti da trattare e ci impegniamo a trattarli il più presto possibile.

Il consiglio direttivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.