15° Prova Coppa Italia Gimkana – Todi, 23 settembre 2018

Quest’anno la Coppa Italia di gimkana chiude la stagione agonistica nella regione in cui aveva preso il via in primavera: l’Umbria, una regione che vanta una grande e lunga tradizione nello sport in Vespa.
A Todi, infatti, si è svolta la 15° ed ultima tappa delle sfide fra i birilli della Gimkana, manifestazione organizzata dal club umbro in memoria del compianto Attilio Agostini, un gimkanista ed appassionato vespista, amico di tutti e grande promotore dello sport in Vespa. A lui viene intitolato uno speciale trofeo, che ogni anno, il club locale assegna ad un partecipante alla propria manifestazione. Quest’anno il premio è andato a Benedetto Lacchè detto Betto del vespa club Aprilia, per l’amicizia che lo legava ad Attilio.
Ospiti nel piazzale di una grande officina, gli organizzatori hanno preparato un bel percorso, decisamente tecnico con qualche stretto tornante che ha richiesto abilità e concentrazione per essere superato senza penalità. Così sotto ad un caldo sole ha preso il via la sfida con oltre una trentina di piloti ai nastri di partenza. Con buona parte dei risultati finali di Coppa Italia ancora da decidere, la tensione fra i protagonisti era altissima.
La categoria PX ha visto tornare alla vittoria il Vespa Club di Sirmione con Benito Signori che con un ottimo percorso netto torna sul gradino più alto del podio dopo una stagione un po’ in ombra, secondo è Fabrizio Oliosi, un po’ più veloce ma con qualche penalità di troppo, entrambi mettono dietro il fortissimo pilota del Santarcangelo di Romagna Stefano Giorgi. La Coppa della PX si conclude con la vittoria dell’intramontabile Leonardo Pilati del Rovereto, seguito in ordine da Fabrizio Oliosi e Stefano Giorgi.
La categoria Under 18 è stata dominata nella prova di casa da Stefano Presciuttini, secondo il suo sfidante al titolo Fabrizio Donini del San Mauro Pascoli e terzo Federico Pascucci anche egli di Todi. Stesse posizioni anche per la classifica finale di Coppa Italia con Presciuttini promosso nei Promo per la prossima stagione, a lui farà compagnia anche il compagno di squadra Pascucci che il prossimo anno compirà i 18 anni, sicuramente da quello che si è visto in pista i due giovani piloti umbri daranno del filo da torcere anche ai campioni più navigati della categoria superiore.
Combattutissima fino all’ultimo centimetro di asfalto la sfida per la vittoria della categoria Promo, con il pilota di Roma Renato Baiani che con due manche strabilianti e perfette strappa la vittoria a Stefano Donini del San Mauro Pascoli mentre terzo arriva il portacolori di Macerata Andrea Tiburzi. La grande sfida della classifica finale di Coppa in questa categoria vede Baiani seguito da Donini, terzo Stefano Salaroli del Castelfranco Emilia. I primi due classificati vengono promossi a piloti Expert per il prossimo anno.
La categoria assoluta dove concorrono gli Expert e tutti gli altri piloti, scolpisce nella storia ancora una volta il nome dell’insuperabile (fino ad ora) Stefano Miani, per nulla impensierito dalla bagarre che si è scatenata per tutta la stagione alle sue spalle per la conquista del posto d’onore nell’albo d’oro dei più forti. La prova di Todi ha visto al secondo posto Baiani che per una manche ha provato ad impensierire Miani, mentre terzo è giunto il decano della Gimkana Luca Fantozzi del Forlì che con 83 presenze è il vespista che dalla nascita della Coppa Italia detiene il record di partecipazioni. La vittoria della Coppa Assoluta è andata appunto a Miani del Castelfranco Emilia, seguito da Baiani e Donini Stefano.
Giochi aperti fino all’ultima prova anche per le squadre con Sirmione che si impone nella manifestazione di Todi seguito dal San Mauro Pascoli e dai padroni di casa. Nonostante questo colpo di coda il club gardesano chiude solo quarto il suo campionato, la vittoria generale per le squadre di club va al Todi seguita dal Castelfranco Emilia e dal San Mauro Pascoli.
Classifica sperimentale per il gentil sesso che quest’anno ha visto la partecipazione di ben 13 vespiste, a sorpresa la spuntano le più giovani e la vittoria del campionato va ad Alice Signori del Sirmione 14 anni, seconda si piazza Mia Donini del San Mauro Pascoli 11 anni mentre terza e Ilaria Ambrosi del Verona.
200 sono stati i vespisti partecipanti, di cui 16 under 18 e 13 di sesso femminile, in rappresentanza di oltre 40 Vespa Club, che hanno percorso la penisola in lungo ed in largo dalla Sicilia al Piemonte e dalla Sardegna al Friuli V.G. unendo simbolicamente tutta l’Italia sotto l’Egida del Vespa club d’Italia.

Benito Signori