1° Prova Campionato d’Inverno Nord – Mantova, 26 novembre 2019

La premiazione femminile.

Il Cimento Invernale di Regolarità del Vespa Club Mantova si dispone da quest’anno sul simbolico terzo gradino del podio per longevità delle manifestazioni sul quale al primo posto troviamo la 500 km di Milano, al secondo la 1000 km ed al terzo appunto il Cimento Invernale che con le sue 13 edizioni si trova in buona compagnia con il Giro dei Tre Mari, manifestazione che evoca grandi ricordi del passato sportivo.
Spostata più volte la location della manifestazione dopo la prima edizione svoltasi davanti a Palazzo Te con uno sparuto gruppo di vespisti partecipanti, questa edizione si è svolta a Guidizzolo ma non nella piazza centrale sulla quale era programmata ma sotto un capannone alla vicina zona Industriale. La benvenuta soluzione si è resa indispensabile a causa del meteo che decisamente sfavorevole nelle previsioni, alla fine si è rivelato anche peggio del previsto con una pioggia copiosa alimentata da basse nubi e da un forte vento che la faceva andare da tutte le parti.
La manifestazione alimentata nel numero dei partecipanti sia dalla sua stessa storia sia dalla seconda edizione del Campionato d’Inverno ha visto alla partenza un centinaio di piloti, con presenti decisamente tutti i migliori nazionali.
Forse per discriminare soprattutto questi piloti il percorso predisposto non era certo facile con nove Controlli Orari consecutivi sui quali transitare in poco meno di un minuto, da percorrere due volte alternando il senso di marcia. Dopo i primi nove passaggi emerge subito la grande prestazione di Matteo Pilati che con sole 24 penalità totali mette già una seria ipoteca sulla vittoria finale, al secondo posto si classifica il padre Leonardo con 88 penalità, al terzo la sorpresa Marco Caiazzo con 90 seguito da Biserni a 99, da Goffi a 100 e da Fiaccadori a 106. Sgranati via via tutti gli altri ma con penalità sempre più rilevanti fanno pensare che il podio debba uscire da questi nomi anche se in teoria su questo selettivo percorso le rimonte e le cadute possono essere ancora possibili.
Si parte per il secondo passaggio dopo aver asciugato le selle delle Vespa bagnate dall’acqua portata dal vento fin sotto il capannone. Più equilibrata questa sessione di passaggi vede confermarsi al vertice Matteo Pilati del Vespa Club Rovereto che con una supremazia assoluta scrive così il suo nome nell’albo d’oro della prestigiosa manifestazione. Tiene ottimamente bene Marco Caiazzo del Vespa Club Verona che finisce secondo con un risultato che lo porta subito ai vertici nazionali con poche partecipazioni effettuate. Sparisce dalla classifica Leonardo Pilati causa un errore di registrazione ed è quindi terzo Marco Meneghelli del Mantova che rimonta bene rispetto al settimo posto della prima manche. Quarto si inserisce Giacomini del Pisogne e quinto Goffi del Coccaglio, a seguire Biserni, Selva e Franzini che da ottavo, con i suoi 272 punti triplica il risultato del vincitore, dimostrazione della grande difficoltà e selettività della manifestazione.
Ottima partenza quindi per questo Campionato d’Inverno settore Nord che si disputerà sulle classiche quattro manifestazioni con uno scarto, i piloti rimasti fuori dai punti possono quindi rifarsi nelle prossime occasioni di Verona, Coccaglio e Rovereto.