Capo Nord - Bruno de Vita


 

In sella ad una Vespa 200 GT anno 2003 con oltre 75.000 km guidata da Bruno de Vita (74 anni) per raggiungere Nordkapp, il punto più a Nord di Europa sulla terraferma e, al ritorno, passando dalla Russia, Paesi Baltici e Paesi dell’Est per infine attraversare i Balcani per poi tornare in Italia: è questa la nuova sfida lanciata dal temerario socio del Vespa Club Civitavecchia (non nuovo a queste imprese).

 

Eccezion fatta per l’itinerario che è stato deciso prima della partenza, le tappe giornaliere da percorrere, le città da visitare, gli alberghi prenotati in internet sono stati pianificati da Alessio, figlio del mitico Presidente.

 

Partenza sabato 13 Luglio 2013 ore 8.00

Sul luogo dell’appuntamento il Vespista scopre una gradita sorpresa, ci sono due carissimi amici e soci del Vespa Club ad aspettarlo, Franco e Alvaro, che in sella alle loro due ruote lo “scorteranno” fino a Monte Romano (Viterbo) e dopo il caffè e le foto di rito ritorneranno alla “base”.

 

La prima tappa è stata Inssbruck, e poi percorrendo 700/800 km al giorno ha attraversato la Germania arrivando in Danimarca a Frederikshavn dove si è imbarcato per Goteborg in Svezia. A queste latitudini la notte arriva molto tardi e fino alle 24.00 si può ancora godere di un bellissimo quanto inaspettato chiarore.

Dopo Goteborg il nostro vespista si dirige verso Stoccolma e più precisamente verso il Golfo di Botnia, la zona nord del Mar Baltico.

Per seguire l’itinerario deciso deve percorrere tutta la parte svedese del Golfo fino a nord per arrivare in Lapponia! I paesaggi sono suggestivi, si alternano scogliere a picco sul mare a lunghe strade  incorniciate da immense distese di alberi. In queste zone Bruno preferisce sostare nei numerosi Camping attrezzati e dormire nel Bungalow.

 

Una volta entrato in Finlandia non poteva mancare la foto di rito sotto il cartello del Circolo polare artico…manca poco all’arrivo a Nordkapp!

Man mano che il viaggio proseguiva verso Nord la notte non arrivava mai e alle 3 di notte è ancora molto chiaro.

 

In questa parte della Finlandia il clima ha accolto il nostro vespista con vento freddo e qualche pioggia che non hanno però scoraggiato il nostro impavido avventuriero che attrezzato di tuta antipioggia e tanta prudenza ha percorso tappe intere sotto la pioggia.

 

Lasciata la Finlandia ed entrando in Norvegia il freddo si è fatto ancora più pungente. Facendo tappa ad Alta, piccola cittadina sulle rive del Mar di Norvegia attraversata dall’omonimo fiume, si cena in una tipica tenda “Sami”, popolazione indigena che vive in queste zone.

 

A questo punto solo 250 km separano Bruno da Norkapp.

 

Il paesaggio nelle vicinanze di Nordkapp è caratterizzato dall’assenza di vegetazione ed altissime montagne a picco sul mare.

 

Il 22 Luglio 2013 il portabandiera del Vespa Club Civitavecchia raggiunge Nordkapp, un emozione unica, foto ricordo, visita al museo a strapiombo sul mare, pranzo sul mare e ovviamente il sole di mezzanotte!

 

Il viaggio di ritorno è stato altrettanto fantastico ed affascinante percorrendo tutta la Finlandia da Nord a Sud ed entrando in Russia. A parte le ore di attesa per varcare la frontiera la Russia si presenta con strade disastrate e conducenti con guida pericolosa. La strada è una piccola striscia di asfalto, con molte buche ed i lati infangati.

Più ci si avvicina a San Pietroburgo più il paesaggio cambia ed arrivando in città si resta increduli dall’enorme differenza di paesaggio. San Pietroburgo è una città ricca di fascino e di storia.

 

Uscendo dalla Russia il nostro amico è transitato per Tallin, capitale dell’Estonia, passando poi Lituania, Lettonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Ungheria, Croazia e Bosnia rientrando in Italia da Spalato.

 

In 30 giorni di viaggio ( 13 Luglio 11 Agosto) ha percorso più di 11.000 km, attraversando 17 nazioni e visitando le seguenti città: Federikshavn, Goteborg, Umea, Rovaniemi, Helnsinki, San Pietroburgo, Tallin, Varsavia, Budapest e Sarajevo.

Un viaggio ricco di fascino ed un’esperienza fantastica, dice a gran voce il protagonista, nonostante i miei 74 anni ripeterei l’impresa e ringrazio mia moglie Lucia e mio figli Alessio che mi danno tanta energia.

 

Fabrizio Bordacchini

Segretario Vespa Club Civitavecchia