Campionato Italiano Regolarità – Carmagnola, 28/29 settembre 2019

Già da qualche stagione la domenica di fine settembre è quella dedicata alla manifestazione sportiva più importante del panorama nazionale, il Campionato Italiano di Regolarità. Una domenica comunque che complice anche il buon tempo degli ultimi autunni ha visto lo svolgersi di molte manifestazioni dal nord al sud della penisola.
Nessuna di queste ha comunque compromesso lo svolgimento del Campionato Italiano di Regolarità, edizione numero 61 che il Vespa Club Carmagnola ha ottimamente organizzato e portato a termine nel migliore dei modi, con classe e professionalità emerse soprattutto nelle soluzioni di animazione e nella ricercata predisposizione delle prove speciali, che appunto devono essere il fulcro di una manifestazione di Regolarità, ancora di più se al massimo livello.
Forse solo la concomitante Parigi-Nizza, alla quale hanno partecipato molti piloti italiani e piemontesi in particolare, ha privato di una trentina di partecipanti gli organizzatori di Carmagnola, ma comunque i migliori piloti c’erano tutti e quindi lo spettacolo ai vertici nazionali della specialità non è mancato.
Strutturata con controlli orari alla partenza, a metà percorso ed alla fine, sia nella giornata del sabato che in quella della domenica, la manifestazione ha portato i vespisti a percorrere infinite distese di campagne le quali ormai nella maggior parte avevano dato per questa stagione i loro frutti, ma anche le colline delle Langhe e del Roero, con timbri di passaggio in due luoghi molto importanti: la Basilica dedicata a Don Bosco, santo e fondatore dei Salesiani ed il Castello di Racconigi, residenza ufficiale di un ramo dei Savoia e poi residenza di villeggiatura dei Re di Sardegna.
Una due giorni che ha avvolto i partecipanti in un’atmosfera molto gioiosa e di passione senza il benché minimo problema di ogni genere, anche la rivalità sportiva è stata appianata dalla grande supremazia dei due vincitori delle categorie Expert e Promo, rispettivamente Cristian Meneghelli e Mirko Zambaldo.
Dopo due doppiette consecutive negli ultimi anni in questa manifestazione, anche Cristian Meneghelli del Vespa Club Mantova non poteva rompere la tradizione e dopo il titolo di Sanremo del 2018 si è aggiudicato anche questo del 2019 con una prestazione veramente al top. Il pilota mantovano ha decisamente mantenuto un’ottima forma anche se si è visto poco quest’anno alle manifestazioni. Lo stesso discorso lo possiamo fare per il secondo classificato della Expert, Roberto Orlandini del Montecchio che ha conquistato, forse un po’ a sorpresa, il titolo di Vice Campione davanti ad un lotto agguerrito di piloti che si sono alternati nelle posizioni di rincalzo per tutta la manifestazione. Al terzo posto Davide Ciconte del Torino alla miglior prestazione nazionale in questa stagione, un podio che lo riporta ad essere uno dei migliori piloti nazionali. Ancora una volta cucchiaio di legno per Riccardo Lombardelli del Macerata dopo essere stato secondo a metà gara, quinto un ottimo Gabriele Cagni che ha espresso un buon livello in questo finale di stagione.
Ovazione alla premiazione per il nuovo Campione Italiano della categoria Promo Mirko Zambaldo, il pilota veronese decisamente amato da tutti per la sua simpatia e modestia stavolta ha piantato una grande bandiera nel suo percorso sportivo. Saltuario a grandi prestazioni, egli aveva comunque dimostrato in qualche occasione il suo valore anche in passato, le molte partecipazioni quest’anno e la volontà di avviare alla specialità altri piloti veronesi gli hanno giovato molto alla causa e la grande soddisfazione è arrivata: diventare pilota Expert da Campione Italiano della Promo. Tra tutti i piloti Promo presenti difficilmente si sarebbero potuti ipotizzare sul podio il secondo ed il terzo, rispettivamente Stefano Tubini del Vespa Club Pescantina e Diego Taboni del Vespa Club Pisogne. La difficoltà delle prove cronometrate non ci da adito ad ipotizzare nessuna fortuna, in questo caso possiamo dire che i due piloti hanno saputo interpretare al meglio le difficili prove e quindi sono finiti con merito sul podio. I due quindi diventano piloti Expert davanti ai più quotati Giancarlo Giubelli e Giuseppe Costanzo, quarto e quinto, ma anche ad altri ancora più quotati piloti che per vari motivi  non sono emersi in questa manifestazione.
La Squadre è vinta come nella scorsa stagione da Mantova con i piloti Meneghelli, Franzini e Giubelli, secondo posto per Montecchio Emilia con i piloti Orlandini, Cagni e Roberto Scatola mentre al terzo posto si classifica Rovereto con Pilati, Agnolin e Lazzara.
Si chiude così anche questa edizione del Campionato Italiano di Regolarità, decisamente una delle edizioni migliori degli ultimi anni, un deciso grazie va al Vespa Club Carmagnola ed al suo Presidente Livio che ha saputo gestire il tutto avvalendosi di seri e competenti organizzatori. Grazie anche ai cronometristi che con l’aiuto del viterbese Thomas, da tempo partner del Vespa club d’Italia questo tipo di manifestazioni, hanno dato praticamente in tempo reale i risultati, contribuendo in modo determinante alla buona riuscita della manifestazione.